Torna a tutte le news

140 mln di euro per la riconversione delle attività produttive verso un modello di economia circolare 

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha ufficializzato la firma del decreto attuativo che fissa i criteri, le condizioni e le procedure per la concessione e l’erogazione delle agevolazioni del bando economia circolare con una dotazione pari a 140 milioni di euro.

Progetti ammissibili.

Dovranno prevedere attività di ricerca e sviluppo finalizzate alla riconversione produttiva delle attività economiche attraverso la realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti. In particolare, dovranno sviluppare tecnologie abilitanti relative a:

  • Innovazioni di prodotto e di processo per l’utilizzo efficiente delle risorse e di trattamento e trasformazione dei rifiuti, compreso il riuso dei materiali in un’ottica di economia circolare o a “rifiuto zero” e di compatibilità ambientale (innovazioni eco-compatibili).
  • Progettazione e sperimentazione di modelli tecnologici integrati per il rafforzamento dei percorsi di simbiosi industriale, attraverso, ad esempio, la definizione di un approccio sistemico alla riduzione, riciclo e riuso degli scarti alimentari, allo sviluppo di sistemi di ciclo integrato delle acque e al riciclo delle materie prime.
  • Sistemi e strumenti per lo sviluppo delle tecnologie per la fornitura, l’uso razionale e la sanificazione dell’acqua.
  • Strumenti tecnologici innovativi in grado di aumentare il tempo di vita dei prodotti e di efficientare il ciclo produttivo.
  • Sperimentazione di nuovi modelli di Packaging intelligente (Smart packaging) che prevedano anche l’utilizzo di materiali recuperati.

Agevolazione. è composta da un finanziamento agevolato pari al 50% delle spese e da una quota di contributo a fondo perduto:

  • 20% per le imprese di micro e piccola dimensione;
  • 15% per le imprese di media dimensione;
  • 10% per le imprese di grande dimensione.

Agli Organismi di ricerca è concesso un contributo diretto alla spesa per una percentuale nominale delle spese e dei costi ammissibili complessivi pari al 20 per cento, comprensivo dell’agevolazione sostitutiva del Finanziamento agevolato.

Il progetto dovrà prevedere spese e costi ammissibili non inferiori a 500 mila euro e non superiori a 2 milioni di euro ed avere una durata non inferiore a un anno e non superiore a tre anni.

Soggetti Beneficiari.

Imprese operanti nel settore Manifatturiero o dei servizi diretti al settore manifatturiero, Centri di ricerca e Reti di imprese del territorio nazionale.

Tempistica e Modalità di presentazione delle domande.

Sarà possibile presentare le domande di agevolazione a partire dal 5 novembre 2020. Le domande saranno valutate secondo l’ordine cronologico di presentazione